Agenzia delle Entrate Riscossione:
il nuovo Agente della Riscossione

Agenzia delle Entrate Riscossione (AeR), dal 1° luglio 2017, ha preso il posto della famigerata Equitalia: ciò significa che il nuovo agente della riscossione sarà la stessa Agenzia delle Entrate, con un organismo creato ad hoc che si occuperà delle funzioni relative alla Riscossione sull’intero territorio nazionale (Sicilia esclusa).Agenzia delle Entrate Riscossione sostituisce Equitalia

A decorrere dal 1° luglio 2017, quindi, le società del Gruppo Equitalia sono state sciolte e sostituite da AeR, ma, nonostante ciò, non cambia molto: le regole vigenti relative alle cartelle esattoriali e alle cartelle di pagamento rimangono invariate, così come i vari (insostenibili ed esagerati) conteggi di interessi, mora ed aggio a cui Equitalia ci aveva, purtroppo, abituato.

 

Equitalia chiude: cosa accade alle vecchie cartelle?

Nonostante lo scioglimento, tutte le cartelle esattoriali Equitalia continuano ad essere “valide” (tra virgolette perché il nostro lavoro è proprio quello di scovare le tante anomalie presenti per annullarle!), così come le comunicazioni avvenute prima del 1° Luglio 2017: si consiglia quindi di non cestinarle, in quanto ancora in essere con il nuovo agente della riscossione AeR.

 

Equitalia e Agenzia delle Entrate differenze e cosa cambia per la Riscossione

Sono girate molteplici voci sui nuovi poteri della Riscossione, secondo le quali questo ente avrebbe potuto, molto più facilmente e velocemente, mettere mano direttamente nei nostri conti correnti ed avviare procedure di pignoramento. Ebbene queste notizie sono tristemente vere, seppure soltanto in parte.

Già in precedenza esisteva, infatti, la possibilità per il vecchio agente della riscossione di avviare un’esecuzione forzata attraverso una lettera di pignoramento alla banca e al debitore, a seguito dei 60 giorni successivi alla notifica della cartella esattoriale, senza alcun bisogno di udienze davanti al giudice. Trascorsi ulteriori 60 giorni, se non si fosse versato (o si versa) il dovuto o richiesta una rateizzazione degli importi debitori, il pignoramento poteva e può essere avviato.

Quello che realmente cambia, ad oggi, con l’Agenzia delle Entrate Riscossione, rispetto ad Equitalia, è che questo nuovo ente potrà applicare tutti i poteri della classica Agenzia delle Entrate, ben più ampi rispetto a quelli del precedente ente riscossore: potrà utilizzare, infatti, le banche dati e le informazioni a cui solo l’Agenzia delle Entrate aveva accesso, per lo più per gli accertamenti, nonché quelle relativi ai rapporti di lavoro dell’Inps.

In tal modo l’AeR (Agenzia delle Entrate Riscossione) potrà conoscere velocemente la reale disponibilità economica del debitore e quindi, effettivamente, i pignoramenti potranno essere sicuramente più facili e veloci.

Noi di Financial Time possiamo aiutarti a venire fuori dai rapporti non voluti con il vecchio ed il nuovo agente riscossore, grazie ai nostri servizi.

 

La Consulenza di Financial Time in 6 passi:


1

Estratto debitorio con Fisconline

Con il Fisconline, ovvero le credenziali per l’accesso al portale dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, visioneremo la tua situazione debitoria, che verrà analizzata dai nostri esperti, cartella per cartella, per scovare le anomalia presenti.


2

Report dettagliato Financial Time

Ti invieremo, quindi, un Report assolutamente GRATUITO, senza vincoli, con tutte le cifre riguardanti le cartelle esattoriali annullabili ed eventuali piani di rientro. Sarai tu a scegliere se procedere con il piano redatto appositamente per te.


3

Istanze di Sospensioni Cartelle

Procederemo quindi alla sospensione delle cartelle esattoriali, così da arrestare non soltanto gli interessi e more che aumentano giornalmente su di esse, ma anche eventuali procedure quali fermi amministrativi ed ipoteche.


4

Sgravio cartella esattoriale

Produrremo ed invieremo la documentazione necessaria, quali istanze di sgravio e ricorsi all’Agenzia delle Entrate, per annullare le cartelle esattoriali non dovute, riducendo così la tua posizione debitoria.


5

Rateizzazione Agenzia Entrate

Con il tuo debito tagliato di tutto ciò che non è dovuto all’Agenzia delle Entrate Riscossione grazie agli sgravi in autotutela, si potrà procedere alla rateizzazione o rateazione degli importi rimasti, da pagare in 72 o 120 rate sostenibili.


6

Rottamazione 2017 – Condono Bis

Fino al 15 Maggio 2018, sarà possibile aderire alla rottamazione cartelle esattoriali 2017, anche di quelle già rateizzate, per pagare ciò che rimane, tagliando ulteriormente gli interessi di mora maturati e le sanzioni, fino ad un massimo di 5 rate.

Quindi cosa aspetti? Contattaci subito per avere una Consulenza professionale assolutamente gratuita per liberarti definitivamente delle cartelle esattoriali!
Otterrai un Report dettagliato e potrai scegliere la migliore soluzione per risparmiare tanto denaro e, contemporamente, chiudere qualsiasi rapporto con l’ex Equitalia e l’Agenzia delle Entrate Riscossione.
Agenzia delle Entrate Riscossione ultima modifica: 2017-11-19T19:50:20+00:00 da Financial Time